Siamo in dittatura dal 2011 signori, aprite gli occhi! Non c’è opposizione…

Renzi governa in assenza di vera opposizione. Come avviene nelle dittature, dove nessuno si oppone al “regime”, ed i media convincono la popolazione che il dittatore ha fatto la scelta giusta.
Alfano e Verdini governano insieme a Renzi, mentre Forza Italia e Lega Nord si collocano all’opposizione. Forza Italia certamente non si contrappone duramente al governo Renzi, mentre la Lega Nord concentra la sua azione politica sull’immigrazione. Salvini dice di essere dalla parte degli imprenditori, ma la questione dell’usura bancaria che strangola numerosi imprenditori non sembra fare parte delle priorità del suo partito.
E’ dai tempi di Berlusconi che non c’è una vera opposizione al governo, premesso che quando c’era da decidere sui trattati europei, o ratificarli, c’è sempre stata ampia convergenza bipartisan. Nessuno “osa” mettersi contro Bruxelles, o meglio i poteri forti di cui è espressione questa Unione Europea.
Sono spariti i “girotondini”, è scomparso il “popolo viola”, e altri gruppi di manifestanti, e sono spariti pure i sindacati. E anche i mass media, hanno un atteggiamento ben diverso dal passato. I tempi in cui Repubblica martellava il premier con le “domande scomode” sono lontani. Eppure di domande ce ne sarebbero da fare molte anche a Renzi…
Il governo Renzi ha fatto, nella totale indifferenza o quasi, delle riforme che Berlusconi non avrebbe potuto fare, l’opposizione, i media controllati dal centrosinistra ed i sindacati lo avrebbero mangiato vivo. Non a caso, sull’articolo 18 fu costretto alla retromarcia: eliminarlo gli sarebbe costato troppi consensi, se non portò avanti la riforma, fu per questo, un mero calcolo elettorale e non certo buon senso. 
Pensate cosa sarebbe accaduto se fosse stato Berlusconi a regalare alla Francia i pescosi mari della Sardegna

12821560_418291101674764_8497037347035795269_n

Con il “GOLPE 2011” ed il governo Monti sostenuto da tutto l’arco parlamentare, ha avuto inizio un INCIUCIO che è andato avanti con il governo Letta e sta andando avanti con Renzi, che governa con una “costola” del centrodestra, ed in assenza di opposizione da parte del resto del centrodestra, che è all’opposizione solo sulla carta.

m5s: alcune iniziative sono apprezzabili, ma non riesce ad incidere e non affronta alcuni temi importanti

Il Movimento 5 Stelle invece, nonostante spesso assuma iniziative giuste, fa un’opposizione non incisiva, anche perché i media sono controllati dal “centrodestrasinistra”, e non è facile dare risonanza alle proprie posizioni. Ma da un gruppo di 100 deputati, è lecito aspettarsi di più, specialmente su temi come il SIGNORAGGIO, le banche, l’usura, e altri temi cruciali di cui si parla poco.
M5s dovrebbe e potrebbe spiegare ai cittadini come funziona il sistema monetario, il signoraggio bancario, di cui Beppe Grillo parlava nei suoi spettacoli, tema che oggi – dotato di una grande forza parlamentare – ha praticamente accantonato, ne ha parlato in pochi sporadici episodi, senza assumere iniziative.
 
M5s ha creato il fondo per aiutare le piccole-medie imprese, ma sono soldi che vengono prestati, e quindi non sono di aiuto per le aziende in difficoltà, mentre sarebbe un aiuto eccezionale se M5s si occupasse dello SCANDALO USURA: associazioni come Deciba hanno denunciato come buona parte dei contratti di mutui, leasing, fidi, ma anche prestiti e cessioni del quinto dello stipendio, sono gravati da irregolarità. Alcune fonti sostengono che addirittura un imprenditore su due sia soggetto a usura bancaria.
Anatocismo, interessi eccessivi fino all’usura, riguardano moltissime aziende e famiglie, che inconsapevolmente, pagano più di quanto dovrebbero, con il rischio, in molti casi, di non riuscire a sostenere le rate e vedersi ipotecare la casa, oppure sconfinare il fido pattuito, vedendosi addebitare interessi di mora esorbitanti. Ci sono imprenditori che dopo aver fatto
L’operato delle banche non viene controllato, evidentemente: oggi si sottraggono alle anomalie solo coloro che si rivolgono ad associazioni come Deciba e fanno controllare l’operato della propria banca, affidandosi a periti e avvocati: ma alla luce del fatto che le anomalie sono molto frequenti, sarebbe stato doveroso che l’operato delle banche fosse passato al setaccio, anche con una commissione d’inchiesta parlamentare, in modo da far ricalcolare mutui, fidi e altri contratti a tutti. In questo modo, solo una minoranza delle persone si fanno rimborsare dalle banche: la maggioranza non controlla e continua a pagare più del dovuto.
 
Alcuni imprenditori che hanno fatto ricalcolare i conti correnti bancari dopo decenni, hanno scoperto che la banca doveva restituirgli somme importanti, dalle decine alle centinaia di migliaia di euro, in base agli importi in ballo.

Quella dell’usura bancaria è una questione di cui i media parlano poco, e quando lo fanno, non passa il concetto che questa realtà sia così diffusa, ed M5s dovrebbe attivarsi non solo per informare i cittadini e le imprese, ma anche portando la questione in parlamento. Ma quando si tratta di banche, nessuno sembra disposto a farsi sentire, nemmeno il Movimento 5 stelle… ?

L’associazione Deciba sta portando avanti una “crociata” contro le banche, con uffici in tutta Italia. per approfondire le questioni bancarie: www.deciba.it – Pagina FacebookDiritto Bancariohttp://www.risarcimentomutui.ithttp://www.disinformazionebancaria.it

Veritanwo