Ora avete capito a cosa serviva la BUFALA del “bambino seminudo al Pride di Roma” ?!?

Cari amici,

dei blogger ultracattolici fondamentalisti, che si spacciano per blog di “contro informazione”, o che un tempo facevano davvero informazione alternativa, e oggi la usano come mezzo di propaganda di idee cattolico-integraliste e omofobe, ne avevo già parlato alcuni giorni fa, quando a pochi giorni dal “Family day” alcuni di questi hanno divulgato la foto di un bambino brasiliano, sostenendo che la foto fosse stata scattata al Pride di Roma. Ma quando è emersa la bufala, personalmente non ero a conoscenza del fatto che pochi giorni dopo avesse luogo il “Family Day”.

Alcuni di questi blog, hanno scritto direttamente che la foto era stata scattata al Pride romano, senza ritegno, mentre i blog più grandi, dove la bufala sarebbe durata poco, non hanno scritto nessun riferimento alla città dove fosse stata scattata, lasciando che il lettore pensasse che la foto fosse scattata in Italia: sia perché pochi giorni prima c’era stato il Pride, sia perché siamo in Italia: e se un media pubblica una notizia o una immagine senza specificare la provenienza, è ovvio che tutti penseranno che la foto riguardi la nostra nazione! Scrivere semplicemente “è stata scattata al pride” significa indurre i lettori a pensare che la notizia riguardi l’Italia, è evidente.

Perché divulgare una bufala di quel genere, strumentalizzando e decontestualizzando un bambino??? E’ stato un errore, oppure mero calcolo?

La risposta non l’avremo mai, ma un’idea personalmente me la sono fatta, visto che GLI STESSI BLOG CHE AVEVANO DATO GRANDE ENFASI ALLA BUFALA, NEI GIORNI SUCCESSIVI HANNO ESALTATO IL FAMILY DAY ALL’ENNESIMA POTENZA… con slogan omofobi e alcuni addirittura pubblicando una foto fake (risalente ad un evento del 2007 e prontamente sbufalata dai naviganti) per sostenere che a Roma fossero presenti un milione di persone, come se le 350-400.000 realmente presenti non fosserò già TROPPE, per una nazione europea… visto che ormai siamo rimasti GLI UNICI, tra gli stati più sviluppati, a non prevedere nel nostro ordinamento nemmeno il riconoscimento delle unioni civili.

11232905_915323431824355_9114444183956268260_nIl fatto che alcuni blog abbiano lanciato la bufala del “bambino seminudo al pride di Roma” proprio a pochi giorni dal Family Day, alimenta il sospetto che si sia trattato di una “bufala ad orologeria”… ma ovviamente non possiamo saperlo.

In ogni caso, un blog di contro-informazione che si rispetti, certamente non può essere uno strumento di propaganda del Vaticano, uno dei centri di potere che ha condotto l’umanità dove è oggi. Non parlo di DIO, sia chiaro: parlo dei “rappresentanti terreni”, che certo non hanno dato un grande contributo all’umanità, tra guerre sante, crociate, inquisizione, caccia alle streghe, discriminazioni, avallo delle peggiori dittature a patto che baciassero l’anello, etc.

Questi blog stanno DENIGRANDO la contro-informazione, mettendo nello stesso calderone articoli intelligenti e becera propaganda ultracattolica: si, ULTRACATTOLICA E RADICALE, OMOFOBA, SPESSO ANCHE XENOFOBA E RAZZISTA.

In questo modo prestano il fianco a chi vuole denigrare i blog di controinformazione: quelli che CHIEDONO SPIEGAZIONI, QUELLI CHE NON SI ACCONTENTANO DELLE “VERSIONI UFFICIALI”, QUELLI CHE OSANO “METTERE IN DUBBIO”… e propongono ricerche e teorie di ricercatori e scienziati che vengono ignorati dai media: come Nocensura.com, che da anni sta facendo un’opera di informazione davvero utile e titanica: Dionidream.com, lo Youtubers Massy Mason James, e molti altri liberi blogger e pensatori, che fanno controinformazione seriamente, propongono domande e riflessioni legittime e secondo me anche giuste. E MERITANO IL MASSIMO RISPETTO, anche da parte di chi non li apprezza.

I blog di controinformazione che ho citato ad esempio fanno informazione, sensibilizzazione, divulgazione, stimolano la riflessione e la consapevolezza, e fanno notare alle persone come i mass media li prendano in giro. Lanciano messaggi di pace, contro il “divide et impera“, che è il caposaldo del controllo delle masse.
Propongono articoli sulla salute, per stimolare la gente a migliorare le proprie abitudini alimentari, e altri articoli che non possono che fare bene e migliorarvi. Poi faranno qualche “scivolone” di tanto in tanto forse, ma sono solo umani… può capitare.

Chi alimenta divisioni, chi genera odio, chi vuole ETICHETTARE le persone e confinarle per l’orientamento sessuale, per la nazione o per la regione di provenienza, non lavora per migliorare l’umanità, ma per IMPEDIRLE DI PROGREDIRE!

Persone che, come ha giustamente osservato qualcuno su Facebook, ciarlano di “lobby gay” e si genuflettono alla più potente delle lobbies: il Vaticano!

Veritanwo

PS: non ho fatto nomi, sia per evitare di fare pubblicità a chi propaganda idee omofobe e clericali che non hanno niente a che vedere con la controinformazione, sia perché il discorso riguarda troppi blog per menzionarli tutti, l’importante è riconoscerli per non farsi strumentalizzare da articoli ad effetto, bufale, strumentalizzazioni e decontestualizzazioni varie…

Alcuni articoli correlati:

Noi non ci occupiamo di bufale, ma questa era troppo IGNOBILE per tacere. Ignobile perché viene usata la foto di un…

Posted by La verità sul nuovo ordine mondiale on Martedì 16 giugno 2015

 

*** Alcune precisazioni in merito all’articolo di ieri

Posted by La verità sul nuovo ordine mondiale on Giovedì 18 giugno 2015

 

A cosa serve la religione?Perché tutti i dittatori sono sempre andati a braccetto con la Chiesa? (o con altre religioni)

Posted by La verità sul nuovo ordine mondiale on Sabato 20 giugno 2015

 

L’ultima frontiera del “divide et impera” ? I diritti omosessuali. Qualcuno vuole convincervi che siano loro il problema…

Posted by La verità sul nuovo ordine mondiale on Domenica 21 giugno 2015

 

Il giornalista ai manifestanti: “sapete dirmi cos’è questo ‘gender’ contro cui manifestate” ??? ASCOLTATE LE RISPOSTE……

Posted by La verità sul nuovo ordine mondiale on Domenica 21 giugno 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*