Nel 2015 morti 68.000 italiani in più del 2014. Dati allarmanti ma non “sorprendenti”

downloaddi veritanwo

Secondo i dati ufficiali dell’Istat, nell’anno appena concluso sono morti 68.000 italiani in più rispetto all’anno precedente. Un aumento vistoso e choccante, un’impennata di oltre il 10% che dovrebbe preoccupare seriamente. Ma che non dovrebbe sorprendere, per come vanno le cose.

Demografi, medici, ricercatori, commentatori televisivi si interrogano sui motivi, come se non fossero abbastanza evidenti. Non c’è bisogno di essere scienziati per capirli. Si tratta di una serie di concause, non di un motivo unico.

Innanzitutto, la crisi. A parte i suicidi, c’è chi muore di crepacuore. Chi si ammala. Ma anche milioni di persone che rinunciano alle visite mediche, alle cure, perché non possono permettersele. Fattori che, in modo più o meno incisivo, aumentano la mortalità.

L’inquinamento ambientale e lo smog sicuramente hanno un ruolo centrale. Come ha ricordato recentemente l’Agenzia Europea per l’Ambiente. Nei centri urbani delle nostre città vengono bruciati ogni giorno milioni di litri di carburanti, che finiscono nei nostri polmoni, nel nostro organismo, sotto forma di finissime polveri.

L’alimentazione, un altro caposaldo. La qualità dei cibi che mangiamo è pessima, sia per qualità delle materie prime ed i processi di trasformazione, che per gli additivi che ci vengono messi. Il cittadino medio non ha la minima cultura alimentare, e cosa peggiore, persino i medici. Un chirurgo, anche bravissimo nelle operazioni chirurgiche, spesso non sa niente di alimentazione. Eppure questa è molto importante per prevenire le malattie e per coadiuvare la guarigione. In un contesto così, oltre a regole diverse e maggiori controlli sulla produzione di alimenti, introdurre l’educazione alimentare a scuola è una priorità.

I dati sono choccanti, riguardano tutti noi, ma finiranno presto nel dimenticatoio… fino al prossimo anno, quando ci sorprenderemo e ci scandalizzeremo (ma per pochi minuti) perchè il dato del 2016 è peggiore di quello del 2015…

veritanwo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*