Morte di Prince: “AIDS e overdose di oppiacei”: inizia la macchina del fango?

Ad una settimana dal decesso di Prince, emergono “indiscrezioni” che gettano ombre sul cantante: sarebbe stato malato di AIDS e sarebbe stato ricoverato per un’overdose di farmaci oppiacei pochi giorni prima del decesso.

Di veritanwo

A pochi giorni dalla morte del famoso artista Prince, trovato morto a 57 anni per cause non ancora chiarite, è trapelata la notizia che sarebbe stato malato di AIDS e prossimo alla fine. L’indiscrezione è stata lanciata da un tabloid inglese e ripresa come fosse vangelo dai media di tutto il mondo, eppure si tratta una “indiscrezione”, non una notizia “certa”. Voci messe in giro da giornali scandalistici, inglesi e americani, la cui affidabilità è tutta da dimostrare. Qualcuno se la sente di escludere che si tratti di una trovata di marketing per guadagnare i riflettori e moltiplicare le vendite? Nel mondo del giornalismo scandalistico, montare casi, fare supposizioni, citare fonti non confermate è una prassi.

Prince-Stare-TestoSecondo queste fonti, Prince negli ultimi anni si sarebbe convertito ai Testimoni di Geova, e avrebbe rifiutato le cure per l’AIDS affidandosi unicamente alla preghiera: “solo Dio mi può guarire”, avrebbe detto ai suoi amici.

La notizia della sieropositività di Prince, che secondo le fonti avrebbe contratto la malattia negli anni 90′, è emersa solo dopo la sua morte. Sembra strano che sia riuscito a mantenere nascosta la vicenda per oltre 20 anni, specialmente in questi ultimi anni in cui sarebbe peggiorato. Quando ad ammalarsi sono le star, solitamente la notizia emerge. L’ultimo attore famoso in ordine di tempo che pare sia malato di AIDS, è Charlie Sheen

Ma non è finita qui. Secondo altre indiscrezioni, il ricovero di Prince pochi giorni prima della sua morte, inizialmente attribuito ad una “brutta influenza” sarebbe stato dovuto, in realtà, ad una overdose di oppiacei che il cantante avrebbe assunto per un dolore all’anca. Appare molto strano che un farmaco, seppure oppiaceo, possa provocare addirittura un’overdose. I farmaci di questo tipo solitamente hanno elevati standard di sicurezza, e per provocare un’overdose ci vuole dosi molto più alte di quelle terapeutiche.

Resta da capire se quanto emerso dalla stampa scandalistica sia veritiero, o frutto di illazioni che poi verranno smentite, fatto salvo che in questi casi, prima la notizia rivelatisi infondata fa il giro del mondo, ed in seguito viene smentita con un trafiletto.

Queste “indiscrezioni” sembrano voler giustificare l’improvviso decesso, senza aspettare i referti dell’autopsia, che saranno disponibili tra un paio di settimane, gettando in qualche modo, ombre sulla sua persona.

veritanwo

Un pensiero su “Morte di Prince: “AIDS e overdose di oppiacei”: inizia la macchina del fango?

  1. Dunque ha rifiutato di vivere a lungo a causa del rifiuto di emoderivati come blasfema torre di Guardia made USA ordina altra vittima in nome di Dio.. D’altra parte ieri stessa cosa x un neonato in Australia.. Quanto sangue macchia le mani di una setta/religione che condanna gli altri e si proclama Santa e parte di un governo teocratico stile Isis informatevi e vedrete le molte analogie.. Non credete a me ma x il bene di chi amate informatevi a 360gradi ché sono maestri in pubblicità e censura!

I commenti sono chiusi.