L’odissea di un profugo siriano in Vaticano

Proprio ieri ho dedicato un articolo alla Casta Vaticana, evidenziandone i comportamenti e le dinamiche. Oggi entro su Facebook, e mi passa davanti un video, intitolato “L’odissea di un profugo siriano in Vaticano“, che permetterebbe anche ad un bambino di capire come funzionano le cose nella “santa sede”.

Un giornalista si è “travestito” da profugo siriano, facendosi crescere la barba in stile siriano, indossando abiti umili e malandato, e si è recato in Vaticano a chiedere aiuto, sostenendo di avere due bambini e di non sapere dove alloggiare. Giunto a Piazza San Pietro il “profugo” ha cercato di fermare due sacerdoti, ma questi lo hanno completamente ignorato e hanno proseguito per la loro strada. Il terzo parroco interpellato invece si degna di rivolgere la parola, ma senza nemmeno farlo parlare, gli dice che “vorrebbe aiutare ma non può” perché gli chiedono aiuto in troppi. Incassato l’ennesimo NO per strada, il nostro profugo prova a suonare ad un convento di suore: dice di essere un profugo siriano con due bambini e chiede ospitalità. La risposta è “ovviamente”, un secco NO. Guardate il video, non c’è bisogno di commenti aggiuntivi:

Il Vaticano è sempre in prima linea quando si tratta di “pontificare” e pronunciare belle parole, siamo tutti fratelli, padre, madre, spirito santo, etc. ma evidentemente di “pratico” fa ben poco. Il Vaticano l’accoglienza, come la solidarietà, la fa a parole. E non venitemi a dire che “il Vaticano fa tanto”, perché rispetto alle ricchezze che possiede e agli introiti annuali che colleziona, fa davvero BEN POCO. E quel poco che fa, per “magia”, grazie a sapienti campagne di marketing e comunicazione, a molti cittadini appare “molto”, o quanto meno “sufficiente”. Sono molti gli oppressi che difendono gli oppressori.

Il Vaticano in Italia possiede 115.000 immobili, quanti sono quelli messi a disposizione per opere di bene?!? E con opere di bene certo non intendo l’accoglienza dei migranti, visto che le cooperative vicine agli ambienti clericali ricevono ben 35€ al giorno per ciascun ospite accolto.

Chi vive a Roma comunque di certo non sarà sorpreso dal video, visto che è notorio che nei pressi del Vaticano, dormano per strada decine e decine di senzatetto, nell’indifferenza del Vaticano, della Curia romana e delle istituzioni tutte. Oltre che dei cittadini.

Veritanwo

Un pensiero su “L’odissea di un profugo siriano in Vaticano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*