Le due MEGA BUFALE mediatiche sul Brexit dei media italiani

In questi giorni dopo il Brexit ne abbiamo lette “di cotte e di crude”… ma se le opinioni sono LECITE, manipolare la realtà lo è un po’ meno.
 

LA BUFALA DELLA PETIZIONE PER RIPETERE IL REFERENDUM.

I media italici hanno parlato a lungo di una “raccolta firme” che chiede di ripetere il referendum, poiché molti cittadini non avrebbero capito. (Sigh) in realtà si tratta di una “petizione” che può essere, non solo firmata da chiunque: anche da un cittadino del Madagascar o del Cile… ma una petizione dove un singolo può firmare 100, 200 volte a piacere. Una MONTATURA MEDIATICA davvero squallida.

 

LA BUFALA DEI GIOVANI FAVOREVOLI ALL’UE

E’ vero che la maggioranza dei giovani che hanno votato, hanno scelto il “Remain”… ma è DOVEROSO evidenziare come la fascia di età che va dai 18 ai 25 anni sia quella dove è stato registrato il maggiore astensionismo! Solo il 38% dei giovani si sono recati alle urne, evidenziando un MENEFREGHISMO unico. Se fossero stati così “amanti” dell’UE, sarebbero corsi in massa a votare, è ovvio. ALTRA MONTATURA, volta a condizionare le opinioni, proprio dei giovani, con MISTIFICAZIONI. E’ notorio che la gente tenda ad “uniformarsi al gregge”, ad essere “conforme” alla massa. Dando l’impressione che i giovani inglesi siano degli sfegatati europeisti, cercano di spingere i nostri giovani verso la bandiera blu con le stellette.

TUTTO QUESTO DIMOSTRA CHE HANNO PAURA

L’isteria dei politici, e dei loro scribacchini, dimostra una cosa sola: che hanno paura, al punto che sentono l’esigenza e la necessità di strumentalizzare, manipolare qualsiasi cosa, anche a costo di essere sputtanati dalla rete, perché alla fine sanno bene che chi si informa in rete è consapevole, ma sanno anche che molte persone, ed in particolare gli anziani (che non sono pochi) non leggeranno mai blog come questo, ma solo programmi televisivi e giornali mainstream…