Warning: Declaration of WP_SimplePie_Blog_Item::get_id() should be compatible with SimplePie_Item::get_id($hash = false) in /membri/veritanwo/wp-content/plugins/blogger-importer/blogger-importer-blogitem.php on line 24

Warning: Declaration of WP_SimplePie_Blog_Item::get_links($linktypes) should be compatible with SimplePie_Item::get_links($rel = 'alternate') in /membri/veritanwo/wp-content/plugins/blogger-importer/blogger-importer-blogitem.php on line 24

Warning: Declaration of Blogger_Import_List_Table::prepare_items($blogs, $JSInit) should be compatible with WP_List_Table::prepare_items() in /membri/veritanwo/wp-content/plugins/blogger-importer/blogger-importer-table.php on line 14
La vigliaccata razzista: si fa tatuaggio poi non paga e malmena l'ambulante | La verità sul Nuovo ordine mondiale
Crea sito

La vigliaccata razzista: si fa tatuaggio poi non paga e malmena l’ambulante

A poche ore dall’omicidio del 36enne rifugiato nigeriano, massacrato per aver difeso la compagna da insulti razzisti, a due giorni dalla vicenda dei 2 bengalesi pestati perché non conoscono il vangelo, il video di un nuovo espisodio razzista, accaduto questa volta nel cosentino, indigna il web.

A prima vista, può sembrare che l’ambulante molesti i ragazzi in spiaggia, ma in realtà le cose, starebbero in modo diverso. Dei giovani si sono fatti fare i tatuaggi, da un ambulante in spiaggia. E poi hanno rifiutato di pagarlo. Quando l’individuo, si è risentito, dopo aver minacciato di chiamare i carabinieri, rivolge alcune parolacce, indignato dopo aver lavorato per diverso tempo gratis, anzi a rimessa, sotto il sole. A quel punto, il tizio si alza, e inizia a sferrargli calci nel volto, in pieno stile da arti marziali.

L’ennesima vigliaccata, compiuta approfittando della posizione di forza, rispetto all’ambulante, sapendo che il tipo non poteva difendersi, ne rivolgersi alla giustizia. Sapendo che dopo aver incassato dei calci al volto, sarebbe tornato al suo lavoro, nella speranza di racimolare qualche euro. Approfittare di un “debole” in questo modo, e poi arrivare anche a picchiarlo, quando si lamenta, è una VIGLIACCATA che non dovrebbe passare impunita.

FATE GIRARE AFFINCHE’ IL TIPO SIA IDENTIFICATO E DENUNCIATO!

Se la predono con i deboli. I tatuaggi in spiaggia non vanno fatti, ma chi li fa dovrebbe ovviamente pagarli.
Dopo avergli assestato un calcio al volto, prendendolo pieno, tanto che l’uomo barcolla, e rischia di cadere a terra, si alza per assestargliene un altro, e probabilmente ha continuato, a telecamere spente. Anche l’autore del video, sembra tenere le parti, moralmente, dell’aggressore, invitando l’ambulante ad andarsene e ridendo della situazione.
Il video è stato caricato su Facebook, visibile pubblicamente (almeno per ora) qui: https://www.facebook.com/ciccio.noblea/videos/596914956993555/

5 Risposte a “La vigliaccata razzista: si fa tatuaggio poi non paga e malmena l’ambulante”

  1. A me hanno insegnato a difendere i più deboli mi dispiace che quel povero ragazzo di colore abbia dovuto subire le prepotenze di un codardo ; pagherà per ciò che ha fatto

  2. Una cosa simile è successa l’anno scorso su una spiaggia a Catania, in Sicilia.

    Ne parlarono anche al TG locale.

    Praticamente 2 ragazzi avevano “comprato” 2 paia di occhiali da sole e si sono RIFIUTATI di PAGARLI.

    Il venditore ambulante era un Senegalese, che, dopo aver cercato di farsi restituire gli occhiali che i 2 ragazzi volevano RUBARGLI, ha ricevuto una raffica di schiaffi sul volto, da entrambi.

    Il problema (per loro), è che questo Senegalese ha reagito e li ha letteralmente gonfiati di botte, ad entrambi.. (ricordo ancora le macchie di sangue sulle tovaglie e sulla sabbia..)

    Alla fine i 2 ragazzi si sono allontanati, in quanto il Senegalese gli andava sempre addosso… e poco dopo gli hanno tirato gli occhiali in acqua.

    Lui è andato a riprenderseli e se n’è andato.

    La SODDISFAZIONE di aver visto gonfiare quei 2 stronzetti, che meritavano di essere P-E-S-T-A-T-I, non aveva sicuramente prezzo.

    PS:
    era un giorno di inizio Settembre, la spiaggia piena di gente, bambini, nonne, zie, papà, mamme e ragazzi… e NESSUNO ha mosso UN solo DITO.

    In base a quanto ha detto il TG, i 2 ragazzi avevano rispettivamente 24 e 25 anni ed erano Catanesi.

    Uno di loro ha subito la rottura della mascella, mentre l’altro ha avuto diverse escoriazioni sul volto che sono state curate con diversi punti di sutura.

    Chiaramente sarebbe BENE che queste cose NON accadano, ma… W il Senegalese!

  3. E’ un video postato nel 2013!!
    L’articolo è fatto molto bene, ma mi sento di contestare l’indagine poco approfondita in merito alla notizia fatta passare come recente, quando invece risale a tre anni fa.

I commenti sono chiusi.