Raid contro musulmani: i media tacciono (ed in alcuni casi istigano…)

Ad integrazione dell’articolo Italia – Molotov e incendi contro la comunità islamica, ma i media TACCIONO! che racconta i casi accaduti a Rozzano (MI) e Mirandola (MO) dove rispettivamente è stata lanciata una molotov contro un Centro Islamico e dato alle fiamme un negozio di proprietà di islamici, riporto altri episodi che vedono come vittime soggetti che hanno l’unica “colpa” di essere musulmani.

Solo due giorni fa un uomo di Mira (TV) poi risultato essere disabile psichico ha lanciato un “barattolo molotov” contro un centro di accoglienza. Leggi l’articolo sulla vicenda su “La Tribuna di Treviso

image

Questi sono i casi “emersi”, ma come per ogni cosa, per uno che ne emerge, altri ne passano inosservati.

L’odio razzista e xenofobo verso i musulmani sta esplodendo in tutta Europa. A Bruxelles, il giorno dopo l’attentato e nuovamente nella giornata di ieri, sono scesi in piazza alcune centinaia di Ultras, buona parte dei quali aderenti ad ideologie di estrema destra. Nonostante i divieti hanno fatto irruzione nella piazza dove era in corso la commemorazione delle vittime, scandendo slogan contro islam e immigrazione.

Un gruppo di ultras del Chelsea invece, alcuni giorni fa, ha devastato le sedie ed i tavoli di un bar di proprietà di un ragazzo musulmano, accusato di essere un “terrorista”, denigrato e picchiato di fronte alla sua attività, mentre assisteva impotente alla devastazione. Di seguito il video, caricato su Facebook dalla Comunità Marocchina Italiana.

i Tifosi della Chelsea in Inghilterra Distruggono sedie e tavo…i Tifosi della Chelsea in Inghilterra Distruggono sedie e tavoli di un bar il proprietario e un ragazzo arabo e lo hanno fatto in modo razzista insultandolo pichiandolo e accusandolo di essere un “terrorista”.. Il motivo perche?? è “musulmano” Arabo..

Pubblicato da Comunità Marocchina Italia su Venerdì 25 marzo 2016

L’Europa sta scivolando verso una spirale d’odio nei confronti dei musulmani. Quello che sta accadendo ricorda molto l’inizio della persecuzione degli ebrei,  prima di giungere alle leggi razziali e alla loro deportazione.

Stiamo andando a passo svelto verso lo scontro di civiltà, verso una frattura insanabile tra occidente e mondo islamico. Le discriminazioni, la diffidenza e l’intolleranza colpiscono sopratutto persone innocenti, che lavorano e vivono onestamente, senza provocare problemi.

Immaginate se alcuni ‘occidentali’, magari di nazionalità “non italiana”, ma comunque occidentali e cristiani, iniziassero a commettere attentati, e immaginate se i musulmani iniziassero a odiare tutti i cristiani, compresi gli italiani, solo perché ci sono gruppi terroristici provenienti da paesi cristiani.

Cosa c’entrate voi? Cosa c’entrano i vostri parenti e amici? Niente. Tuttavia vi vedete accusare, disprezzare, vi ritrovate guardati con diffidenza solo perché condividete l’origine etnica e religiosa con i colpevoli di attentati.

E’ quello che sta accadendo oggi alla Comunità musulmana.

Tutto questo non contribuirà ad eliminare il terrorismo, ma lo fomenterà ancora di più. Tutto questo non porterà alla pace, ma allo scontro totale, con conseguenze che possono essere davvero gravi.

Quando è un musulmano a commettere un reato, questo viene riportato dai mass media con grande enfasi, mentre quando sono i musulmani a subire soprusi come quelli citati sopra, ottengono ben poca risonanza, i fatti restano relegati alle cronache locali.

Immaginate cosa avrebbero detto i mass media se al posto di un centro islamico, la molotov fosse stata lanciata contro una chiesa o una sinagoga… la notizia avrebbe avuto grandissimo risalto, avrebbe guadagnato le prime pagine di tutti i giornali, avrebbero parlato di “terrorismo” e sarebbe partita una “caccia all’uomo”… però è accaduto al centro islamico, quindi la notizia è relegata alle cronache locali e molto probabilmente, gli autori non saranno identificati, come accade spesso.

Se non state attenti, i media vi faranno odiare gli oppressi e amare gli oppressori“… Malcom X

veritanwo