Intervista al promotore del “5 Novembre”: “tutti a Roma per mandare a casa la casta”

Di Veritanwo

Da alcune settimane circolano su Facebook immagini che preannunciano una mobilitazione, prevista a Roma per il 5 Novembre. Immagini con slogan che invitano la popolazione a “ribellarsi” contro la casta, che “deve andare a casa”.

Una delle tante immagini che circolano su Facebook sul "5 Novembre"

Una delle tante immagini che circolano su Facebook sul “5 Novembre”

I toni sono molto simili a quelli della mobilitazione del 9 Dicembre, ma questo gruppo non ha niente a che vedere con i “Forconi”. I principali promotori sono Claudio De Marco e Antonio Corcione, che alcuni mesi fa hanno dato vita ad una associazione per difendere i cittadini. Corcione è stato più volte ospite di trasmissioni televisive, sempre per iniziative di protesta, ed è la voce di “Radio informazione libera” su spreaker, una radio virtuale che ha dato voce a numerosi “dissidenti”.

Abbiamo rivolto, tramite Facebook, alcune domande a Claudio De Marco, per cercare di capire cosa stanno organizzando. Ecco le sue risposte.

12053304_461685830669951_308203698_n

Claudio De Marco con la maschera di Anonymous.

Chi sono gli organizzatori del 5 Novembre?

Il #5-NOVEMBRE è un’idea nata circa 6-7 mesi fa dal film di “V per VENDETTA”. All’inizio l’idea era quella di fare la marcia della “MILLION MASCH” la festa degli Anonymous, ma poi dopo pochi giorni dovetti cambiare la tipologia, perché tutti quegli amici, gli Anon, Anonymous, chiamiamoli così… iniziarono a cambiare idea, perchè mentre io l’evento volevo farlo a Roma di fronte ai palazzi del potere, come sponsorizzato nel FILM … loro decisero Milano o Londra. A quel punto incominciammo un pochino a litigare, perchè per loro la “MILLION MASCH” era una festa dove andarsi a bere una birretta, mentre per me significava tutta un altra cosa, e cioè RIVOLUZIONE come tratta dal film. Alla fine tra noi sorse un disaccordo su tutto, tanto è vero che poi incominciarono con gli attacchi in rete contro di me, verificatesi inutili a finale, perchè io pure da solo …intrapresi il mio cammino. Poi una mi venne l’idea di far vedere il finale di quel film ad Antonio Corcione, e a lui piacque la cosa, e fu così che poi nacque il #5-NOVEMBRE”

2) Quali obiettivi vi ponete? E come conseguirli?

L’obbiettivo resta sempre quello, di mandare a casa questa classe politica corrotta e venduta ai banchieri e alle multinazionali, perchè come anche sai bene che ci hanno truffati e stuprati con questa falsa crisi studiata a tavolino

3) Protestate e basta, o avete delle proposte concrete? Se si, quali?

Tante cose non posso dirle purtroppo, di proposte? Ce ne è solo una, devono andarsene da quei palazzi, …tutti! Occupare il parlamento con un governo provvisorio, riprenderci la sovranità che c’è stata strappata illegalmente, strappare tutti i trattali e nazionalizzare Bankitalia. Altre strade per la libertá non ce ne sono. L’euro è truffa, e non è vero nemmeno che è una moneta unica

4) Perché la data del 5 Novembre? E’ un “revival” del 9 dicembre?

Perché del #5-NOVEMBRE te l’ho scritto nel primo punto.

5) Avete legami con i Forconi siciliani e con gli altri movimenti che organizzarono il 9 dicembre?

Di legami io non ne ho con nessuno, e non ne voglio avere. Ho scelto di stare con il popolo e con il popolo voglio rimanere, sono APARTITICO, senza Leaders e senza pastori, ma solo noi, perché solo noi possiamo salvarci da questo sfascio, il resto ha sempre un prezzo.

6) Come si svolgerà la manifestazione? E’ autorizzata dalle autorità?

Vogliamo chiamarla manifestazione? Beh, chiamiamola pure così, ma non lo è. Come si svolgerà ci stiamo organizzando, perché da Roma stesso, non sanno e non riescono nemmeno loro a darci una risposta, e se non arriva noi andiamo lo stesso, perchè se fosse per me io non chiederei il permesso a nessuno. Comunque stiamo provvedendo per le tende, i pasti, è tutto il resto, perchè ormai si è deciso di intervenire. Così non si può più andare avanti in questo paese, bisogna dire basta!

 

Veritanwo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*