Greta e Vanessa, è ufficiale: pagati 11 milioni di riscatto. Ricordate quando il governo negava? VIDEO

di Veritanwo

A distanza di diversi mesi dalla liberazione delle cosiddette “cooperanti” italiane che si erano recate in Siria per supportare un gruppo islamista che si oppone ad Assad, il “Fronte Al Nusra” (uno dei gruppi di “ribelli moderati” finanziati dagli USA) emerge la verità, grazie a fonti giudiziarie di Aleppo citate da Il Fatto Quotidiano.

Per la liberazione delle due ragazze abbiamo pagato la bellezza di 11 milioni di euro, una somma allineata a quella emersa nelle indiscrezioni, visto che il governo ha sempre rifiutato di ammettere di aver corrisposto un riscatto per la liberazione.

Una somma che, almeno in parte, sarà servita per finanziare le battaglie islamiste, per seminare morte e distruzione in Siria.

Per la liberazione delle due cooperanti si è mosso subito il governo, a differenza di quanto accaduto nel caso del sacerdote Paolo Dall’Oglio, 61 anni, romano, scomparso nei pressi  di Raqqa, in Siria il 29 luglio del 2013. Prima delle due ragazze. Ma il suo caso non ha mai fatto clamore, così come quelli di tanti altri. Come Ignazio Scaravilli, medico catanese di cui si sono perse le tracce a Gennaio in Libia. Di lui non si è interessato nessun politico e nessun mass media.

Come mai le due ragazze sono state liberate accuratamente? Perché sono giovani, oppure perché finanziare il Fronte Al Nusra non dispiace?

 

Veritanwo

Precedente Incredibile a Taiwan, il cielo diventa rosso sangue, cittadini nel panico! VIDEO Successivo Altro che "buon pane quotidiano"... il 44% dei laboratori sono fuori legge, scarsa l'igiene

Un commento su “Greta e Vanessa, è ufficiale: pagati 11 milioni di riscatto. Ricordate quando il governo negava? VIDEO

  1. VORREI CHE IL MINISTRI GENTILONI ANDASSE IN AULA A SPIEGARE PERCHE’ HA MENTITO SAPENDO DI MENTIRE AL POPOLO DI CUI LUI E’ UN MINISTRO, AFFIDABILE (????), SINCERO (?????????????) E PROBO (????????????????????????????????????)

I commenti sono chiusi.