Farage in Europarlamento: “Adesso non ridete più” – VIDEO

Duro intervento di Nigel Farage, tornato in Europarlamento dopo il Brexit: “17 anni fa ridevate di me, adesso non ridete più”. Quando Farage ha preso la parola, è stato a lungo fischiato e contestato, quasi a volergli impedire di pronunciare il suo intervento. E’ dovuto intervenire il presidente dell’Europarlamento Schultz, per ricordare agli eurodeputati che  “Una delle principali qualità della democrazia è che si ascolta le persone anche se non si condividono i loro punti di vista. ”

Il video, a cui potete attivare i sottotitoli tradotti di Youtube:

“Non è divertente, pensare che quando sono venuto qui, 17 anni fa, e ho detto che volevo condurre una campagna per ottenere l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, tutti ridevano di me? Beh devo dire, non ridete più adesso?” ha affermatoFarage.

Le accuse di Farage all’Unione Europea

Farage ha continuato il suo discorso accusando l’Europa di aver imposto la povertà nel Mediterraneo, e di essere responsabile per il grande afflusso di migranti nel continente. Il leader dell’UKIP ha poi dichiarato che il problema più grande, nonché il motivo principale del Brexit, sta nel fatto che l’UE ha imposto l’Unione politica senza chiedere il consenso dei cittadini, anzi ingannandoli. Farage ha accusato i vertici dell’UE di aver ignorato i referendum condotti in Olanda, Irlanda e Francia, contrari all’integrazione europea, imponendo dalla porta di servizio il “Trattato di Lisbona”.

Un risultato “sismico”

Farage ha poi definito la decisione del Regno Unito di lasciare l’UE un “risultato sismico” per la politica globale, poiché rappresentava una rivolta in nome di un “piccolo popolo”, per rivendicare il potere e la sovranità nazionale. E non solo: prevede che altri paesi lasceranno l’Unione Europea: “Il Regno Unito non sarà l’ultimo Stato membro a lasciare l’Unione Europea”.

Farage chiede ragionevolezza

Farage ha detto che vorrebbe vedere un atteggiamento ragionevole da parte della UE, ed ha auspicato un nuovo trattato che regoli il commercio tra Regno Unito ed i paesi dell’Unione Europea. Ha inoltre messo le mani avanti, spingendosi a dire che se l’UE non volesse fare accordi di questo tipo (per ritorsione, ndr) sarebbe peggio per loro che per la Gran Bretagna, e ha aggiunto che anche nessun accordo per il Regno Unito sarebbe sempre preferibile alla situazione attuale, che definisce “marcia”.

Non è la traduzione letterale, ho però riassunto le parti principali.

Veritanwo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*