Ecco perché l’abbattimento del jet russo è un vero e proprio atto di guerra

Premesso che il Jet russo NON aveva sconfinato, anche se ciò fosse accaduto, non avrebbe rappresentato un pericolo per la Turchia. Gli sconfinamenti, quando ci sono operazioni al confine con aerei supersonici, sono frequenti. Nel 2014 i turchi hanno sconfinato ben 2244 il confine greco! Più volte al giorno! Però non sono stati certo attaccati per questo

Di Veritanwo

Le autorità turche hanno abbattuto un aereo russo, sostenendo che questo avesse sconfinato, fosse cioè entrato in territorio turco. Premesso che questo pare non corrisponda a verità – secondo i tecnologici strumenti di localizzazione del jet, sarebbe stato ad almeno 2 km dal confine – anche se l’aereo avesse veramente ‘sconfinato’, non avrebbe comunque rappresentato un pericolo per la Turchia.

Lo “sconfinamento” può essere ritenuto una “provocazione”, quando viene effettuato tra due paesi con forti contrasti, come tra la Korea del Sud e quella del Nord, i cui confini sono strettamente sorvegliati. Ma il governo turco sapeva benissimo che la Russia non avrebbe mai colpito in Turchia. Sapevano benissimo che non c’erano pericoli.

Infine, quando i supersonici jet operano a ridosso delle frontiere, gli sconfinamenti sono quasi una prassi. E se questi durano pochi secondi e non costituiscono un pericolo per la nazione “invasa”, sono generalmente tollerati.

Di seguito il grafico che illustra le violazioni dello spazio aereo greco da parte dell’esercito turco, avvenute negli ultimi anni. I governi di Turchia e Grecia non hanno relazioni idilliache, ed in passato ci sono state forte tensioni. Tuttavia il governo di Atene certo non si mette a colpire gli aerei turchi al primo sconfinamento. Se fosse accaduto, sarebbe esplosa una guerra, visto il numero di sconfinamenti registrati, in particolare nel 2014, quando si sono intensificati, e nell’anno in corso.

12274615_935878539820126_2137648971486011765_n

 

 

 

Appare evidente che lo sconfinamento è solo una benale scusa per giustificare una grave provocazione, di cui il governo turco potrebbe essere solo l’esecutore materiale. Di certo Erdogan non avrebbe mai assunto un’iniziativa di questo tipo, se avesse corso il rischio di non incassare l’appoggio degli USA e della NATO, che è stato praticamente immediato e incondizionato. Non hanno nemmeno atteso di capire le dinamiche dei fatti, che già avevano offerto sostegno a Erdogan, che secondo Obama “ha diritto di difendere i propri confini“.

 

Veritanwo

Un pensiero su “Ecco perché l’abbattimento del jet russo è un vero e proprio atto di guerra

  1. Scusate ma, come si dice dalle mie parti, Obama “c’ha la rogna”? Stiamo parlando del MIGLIOR presidente avuto dall’America nell’ultimo secolo! O preferite i Bush e Reagan? 😉

I commenti sono chiusi.