Divulga ‘selfie’ con la salma, diventa virale sul web. Aperta un’inchiesta.

Che i cadaveri non si decompongono più come avveniva in passato, è una realtà ampiamente documentata e nota a tutti coloro che per un motivo o per un altro, hanno a che fare come questo settore.

Della questione si parla poco, meglio non accendere troppo i riflettori sulle sostanze che ingurgitiamo quotidianamente, ovviamente tutto avviene “a norma di legge”, è legalissimo inserire determinate sostanze nei cibi. E’ legale anche non fornire molte indicazioni sulle stesse, anche sulle etichette. Ed è legale anche pubblicizzarle utilizzando immagini che evocano la genuinità e la bonta del prodotto. E’ il capitalismo, bellezza.

Se siamo arrivati al punto che 1 persona su 3 si ammala di cancro, quando mezzo secolo fa l’incidenza era di 1 cancro ogni 30 persone – ben 10 volte inferiore – proviamo a chiederci il PERCHE’. Ma non è finita: la percentuale è destinata a salire: presto 1 persona su 2 svilupperà un cancro durante la sua vita. E’ quello che sostengono esperti e scienziati

MA QUESTO è UN ALTRO DISCORSO: TORNIAMO AL FATTO CHE LE SALME NON SI DECOMPONGONO PIU’.

Che questo avvenga, lo hanno testimoniato anche molti medici. (Leggi questa testimonianza) e la causa è da ricercarsi nei troppi conservanti che ingurgitiamo.

Pochi giorni fa, è finita sul web una “selfie” che ritrae un addetto alla estumulazione delle salme di un cimitero che si è fatto fotografare con una salma seppellita 70 anni fa ancora incredibilmente intatta. (Dopo un periodo di alcuni decenni vengono rimosse, e normalmente chi apre la bara dovrebbe trovare un mucchiettino di ossa erose dai batteri, da gettare nell’ossario, e non un cadavere mummificato) La salma è visibilmente mummificata, e pertanto non si decomporrebbe nemmeno se restasse lì un altro mezzo secolo. E pensare che in passato erano sufficienti al massimo 20 anni affinché non rimanesse quasi niente!

SE VUOI VEDERE L’IMMAGINE, CLICCA QUI

6152img1

La questione ovviamente non è passata inosservata, e stando a quanto riferito da un sito di cronaca locale, pare che il Comune di Bitonto abbia aperto un’indagine conoscitiva. La fotografia sarebbe stata scattata nella Cappella privata del cimitero urbano, durante le operazioni di estumulazione

Sul web la foto è diventata “virale”, con numerosi commenti tra l’impressionato e l’indignato, nei confronti di chi ha scattato la foto. Ma a giudicare lo stile dell’immagine, è evidente che non c’è nessuna volontà di vilipendere la salma, non si tratta di una “goliardata” ma di una “denuncia”. Perché questo è quello che ormai accade un po’ in tutti i cimiteri, solo che non se ne parla.

Veritanwo

2 pensieri su “Divulga ‘selfie’ con la salma, diventa virale sul web. Aperta un’inchiesta.

  1. Per quanto conscio che stiamo mangiando delle schifezze, mi domando che cosa c’entra una salma sepolta 70 anni fa, quindi un individuo nato presumibilmente intorno al 1870, e deceduto nel 1945, con le schifezze che mangiamo da alcuni decenni a questa parte. Sembra una strumentalizzazione…..anche se rimane comunque la triste realtà delle schifezze propinate per consentire un maggior incremento delle ricchezze di pochi.

I commenti sono chiusi.