Il caso dell’uomo con il “pugno di ferro” che vogliono insabbiare

Ha fatto il giro d’Italia la fotografia di un uomo, a volto scoperto, ritratto mentre impugna un “tirapugni” di ferro, durante gli scontri tra forze dell’ordine e tassisti. Nelle foto l’uomo è vicino ad un agente (si riconosce dalla radiolina in mano) mentre un altro individuo regge per una gamba un manifestante caduto a terra.

Pubblicate in rete le immagini sono diventate virali e hanno suscitato molto scalpore. Ormai il caso era esploso e pertanto i media non potevano ignorarlo. Diversi media – come il Corriere della Sera (vedi http://roma.corriere.it/foto-gallery/cronaca/17_febbraio_21/roma-l-aggressione-manifestante-il-tirapugni-fotosequenza-9c9928a2-f850-11e6-b362-d2e82fbd3a4a.shtml) sostengono che si trattasse di un manifestante, che sarebbe stato fermato ed identificato, ma la sua identità non è stata divulgata.

Perché mantenere privata l’identità del manifestante armato di tirapugni?

Una vera stranezza, se consideriamo che normalmente sia i media che le autorità si comportano in modo molto diverso. Ricordate il caso di Er Pelliccia? Il giovane con il volto coperto ripreso da una videocamera mentre lancia un estintore? Tra l’altro l’estintore in questione non fu scagliato contro persone. Scattò la “caccia all’uomo” e ben presto l’autore del gesto fu identificato e chiamato a rispondere delle sue azioni.

Er pelliccia divenne un caso nazionale, le sue foto ed il suo nome finirono su tutti i giornali, che andarono persino ad intervistare la famiglia.

Nel caso in questione invece tutto tace e le autorità non rivelano chi fosse l’individuo armato di tirapugni, oggetto che se usato per colpire persone può avere esiti fatali. Un pugno sferrato con il tirapugni metallico è qualcosa di molto vicino ad una sprangata, in quanto se colpisce in certi punti è certamente più che sufficiente a spedire una persona all’ospedale o all’aldilà. Un uomo che si reca a manifestare con il tirapugni è un pericolo pubblico, ed in quanto tale dovrebbe essere identificato e fermato.

Come mai invece l’identità dell’individuo viene tenuta nascosta?

Chi è quell’uomo che brandisce un tirapugni? Perché brandisce un tirapugni? Lo ha usato per colpire qualcuno?

Domande che chissaperché, sembrano destinate a rimanere prive di una risposta…….

veritanwo

Un pensiero su “Il caso dell’uomo con il “pugno di ferro” che vogliono insabbiare

I commenti sono chiusi.